Don Minutella: “Scendiamo in campo prima che cambino la messa”

news_img1_78075_padre_alessandro

BY SAMUEL COLOMBO

Continua imperterrita la battaglia di verità da parte di Don Alessandro Minutella contro questa falsa chiesa che si sta delineando, consapevole delle conseguenze che potranno arrivare.

Certo è che fa pensare una chiesa che piuttosto di dare spiegazioni e chiarire dubbi e perplessità come farebbe un buon padre si trincera dietro un silenzio imbarazzante prendendo provvedimenti e “punendo i trasgressori”.

Ma ecco le sue dichiarazioni.

“Dietro a questo programma progressista troviamo un Sinedrio capeggiato da questi pontefici che portano il nome di Enzo Bianchi, Antonio Melloni, padre Antonio Spadaro, Bruno Forte, Vincenzo Paglia, Walter Casper. Tutti uomini del dialogo, che però nascondono l’arma della condanna, dell’emarginazione, del sospetto verso chi non si omologa al loro pensiero. Ecco sembra che dietro questi uomini si camuffi il manifesto della costruzione di una super chiesa mondiale senza più alcunché di cattolico.

Amici cari, la verità cattolica è divenuta eresia.

Così i poveri cattolici, quelli di Giovanni Paolo II e Benedetto XVI, i cattolici innamorati del Concilio Vaticano II nella sua continuità con la tradizione, i cattolici eucaristici e mariani cominciano inesorabilmente a piangere ciò che resta dello splendore cattolico osservando dietro i vetri Madre Chiesa nella sua lenta agonia.

Quanta gente smarrita, quante anime disorientate..

Si tratta di una falsa chiesa perché costruita non secondo il disegno del suo Fondatore ma secondo i propri capricci ideologici.

Chi non si omologa a questo registro di falsa chiesa è fuori di testa, un’eretico, uno che ha il cuore duro.

E si vuole mettere a zittire chi non è d’accordo.

L’eresia in questo caso è portata avanti dal governo stesso della chiesa.

Ogni mese che passa, anzi settimana, anzi giorno e persino minuto vi è il rischio incombente della perdita di migliaia se non di milioni di anime indotte verso falsi percorsi..

Oggi tocca a noi.

Cari cattolici vi chiamo a venir fuori. Basta con la denuncia. Occorre la resistenza.

Resistenza come difesa della sana dottrina finché il Signore non torna.

Basta con l’accettazione supina per paura di esser condannati con i diktat della falsa chiesa.

Fratelli e sorelle questo è tempo di rinnovata grazia.

Coraggio!

Verrà ora il tempo di scontro con la falsa chiesa che mette in campo tutti i criteri di odio e violenza che li caratterizza.

Dovremo soffrire, scendere nelle catacombe, essere calunniati, diffamati, essere sospesi, essere raggiunti dalle sanzioni canoniche.

Dovremo soffrire perché dobbiamo tenere insieme accesa con la resistenza la fiaccola cattolica in attesa che la bufera del falso profeta si esaurisca ai piedi della Donna vestita di sole.

Chiunque si sottrae alla resistenza ne diventa vittima. Però è anche il tempo della Donna vestita di sole (Vergine Maria) che trionfa con il suo piede sul nemico infernale.

Coraggio e avanti!

Mi rivolgo a voi carissimi confratelli sacerdoti, ai tanti preti sparsi in Italia che come me sono a disagio, ai tanti cattolici che soffrono per quanto sta accadendo e dico loro nel nome di Gesù e di Maria, veniamo allo scoperto e mostriamo il volto autentico e coraggioso del cattolicesimo che resiste. Ce lo sta chiedendo il Signore, non possiamo voltare le spalle.

Scendiamo in campo prima che cambino la santa Messa.

Ciò comporterà una serie di conseguenze.

Diranno: siete fuori dalla chiesa, siete scismatici, vi siete costruiti una vostra chiesa.

E io dico: siamo noi fuori dalla chiesa con tale denuncia o lo siete voi tutti che state costruendo quella chiesa mondanizzata, adultera e stravagante che la Beata Katharina Emmerick aveva intravisto.

Siete voi fuori dalla chiesa non noi che resistiamo.

Questo deve essere chiaro. Ci diranno che siamo noi fuori dalla chiesa e invece sono loro che si son tirati fuori, qualcuno li ha attirati fuori.

Voi siete fuori, non noi che rimaniamo fedeli alla sana tradizione cattolica e all’autentico spirito del Concilio Vaticano II.

Dalla loro hanno i poteri forti ma non hanno fatto i conti che dalla nostra c’è la Vergine.

Alla falsa chiesa diciamo, voi siete l’attuazione più mostruosa del terzo segreto di Fatima”.

 

Don Alessandro Maria Minutella, dottore in teologia dogmatica, esperto di mariologia e sul teologo Urs Von Balthasar, un apostolo coraggioso della Vergine Maria, zelante diffusore della devozione al suo cuore immacolato. Don Alessandro conosce profondamente le diverse apparizioni della Madonna, i relativi messaggi e le profezie.

 

FONTE:

L’IMBARAZZO DELLA FALSA CHIESA

RADUNO DELLA RESISTENZA CATTOLICA


Share the Story
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPin on PinterestEmail this to someone

Posted on 31/03/2017 in State Of Play

Written by Samuel Colombo

Back to Top